Su questo sito usiamo i cookies, anche di terze parti. Navigandolo accetti.

 

 

  • Notizie
  • Home
  • News
  • Notizie
  • 30 Startup italiane sul palco dell’Old Truman Brewery alla ricerca di business

30 Startup italiane sul palco dell’Old Truman Brewery alla ricerca di business

Londra, 11 aprile.  Nella cornice dell’Old Truman Brewery si sono aperti gli incontri tra ecosistema dell’innovazione italiano e britannico nell’ambito della seconda edizione di Smau London| Italy RestartsUp in London Powered by ICE and Smau.

Un’edizione anticipata dal ricevimento presso l’Ambasciata Italiana che ha riunito per tutta la serata gli ospiti delle due delegazioni.  Al centro dell’evento incontri individuali, pitch delle startup italiane, tavole rotonde con rappresentanti dell’ecosistema dell’innovazione italiano e britannico.

Tra gli ospiti sul palco Sirti ha presentato “Imprenditivity”, il programma attraverso il quale Sirti ha coinvolto tutta la popolazione aziendale nei processi di innovazione, mentre Dompè ha presentato i risultati del progetti pilota Side by Side 4 Innovation, il primo contest di Open Innovation lanciato nel 2018 da Dompé e rivolto a startup e centri di ricerca nel campo dell’Oftalmologia e della Nutrizione.

L’evento richiama rappresentanti di start-up, incubatori/acceleratori, rappresentanti delle istituzioni, investitori, imprese e giornalisti. La tre giorni londinese dedicata all’innovazione prevede anche un tour presso gli incubatori e acceleratori  e  rappresenta l’occasione per attivare relazioni commerciali e partnership tra l’ecosistema dell'innovazione londinese e le realtà italiane.

Tappe del tour sono l’Istituto Marangoni, Google for Startups, Wayra, Forward Fooding, Founders Factori e Digital Catapult. Dal sistema per trasformare la propria auto tradizionale in un veicolo ibrido-solare, al motoscafo con le ali fino al marketplace di personal stylist: ecco le startup pronte all’ingresso nella scena londinese.

Sono 30 complessivamente le startup che, nell’ambito di Smau | Italy RestartsUp in London, in programma dal 10 al 12 aprile, ricoprono il ruolo di ambasciatori dell’innovazione “Made in Italy” presentando i loro prodotti a imprese, investitori e innovatori britannici, soprattutto nei settori Agrifood, Artificial Intelligence e Smart Manufacturing, FinTech e Smart Communities.

C’è ad esempio, la startup di Napoli che propone itinerari di viaggio personalizzati e la startup di Imola che propone un dispositivo in grado di raccogliere dati in tempo reale dai consumatori nel negozio fisico e prima del check out elaborandoli con algoritmi di machine learning, c’è la piattaforma fintech per valutare l'affidabilità creditizia e gestire i flussi di cassa dal credito al rimborso realizzata da una startup di Caltanissetta e il motoscafo dotato di ali che si propone di rivoluzionare il settore della nautica realizzato da una giovane impresa di Imola.

In questa edizione di Smau Londra sono presenti la Regione Campania, la Regione Siciliana e la Regione Emilia-Romagna ciascuna con alcune startup del proprio territorio. A commento della partecipazione della Regione Campania a Smau Londra, l’Assessore all'Innovazione, alle Startup e all'Internazionalizzazione della Regione Campania Valeria Fascione afferma: “Anche quest’anno la Campania è presente alla tappa di Londra con una bella rappresentanza di sei promettenti realtà imprenditoriali e due attori dell’ecosistema, che aggregano l’offerta di innovazione regionale e la forza propulsiva che proviene da startup e spin-off. L’appuntamento londinese, con la possibilità di entrare in contatto con gli hub di innovazione più importanti del mondo, rappresenta la perfetta sintesi delle tre leve competitive che abbiamo posto al centro della strategia regionale: startup, innovazione e internazionalizzazione. Tre fattori di innesco che, declinati su temi quali Capitale Umano e Talenti, Open Innovation e contaminazione possono attrarre investimenti e generare nuova occupazione”.

Ecco le startup partecipanti a Smau Londra provenienti dalla Campania:

3D Rap - Avellino

3DRap è un laboratorio di prototipazione digitale nato dall'iniziativa di un gruppo di giovani studenti di ingegneria meccanica, con l'obiettivo di innovare il settore del design e di consentire a chiunque di concretizzare le proprie idee riducendo costi e tempi nelle fasi di progettazione e prototipazione del prodotto.

Butterfly Decision - Napoli

Butterfly è una startup che si occupa di gestire i processi decisionali attraverso un approccio scientifico e algoritmi innovativi integrati in una soluzione software.

Dobedoo - Napoli

Dobedoo è una webapp che propone itinerari di viaggio personalizzati. Partendo dal budget e dal tempo a disposizione, Dobedoo crea un itinerario contenente le migliori attività di intrattenimento richieste dall’utente, prenotabili on line dalla piattaforma. Il servizio è geolocalizzato e legato alle condizioni metereologiche delle ore richieste. Parallelo al servizio della webapp, è stata creata anche una card sconti che è possibile utilizzare in tutti i punti convenzionati. A seconda dell’accordo fatto fra Dobedoo e l’attività commerciale, l’utente può accedere ad uno sconto che va dal 5% al 15% oppure avere omaggi sulle consumazioni.

EProinn - Salerno

La startup salernitana eProInn  è impegnata nella realizzazione di un progetto che potrebbe rivoluzionare la mobilità. Si tratta di un sistema brevettato con il quale è possibile trasformare un’auto tradizionale in un veicolo ecologico ibrido-solare. Tale sistema trasforma le auto a trazione anteriore in veicoli 4x4 grazie all'installazione di motori elettrici nelle ruote posteriori, collegati ad una batteria al litio che si ricarica parzialmente, a costo zero, oltre che da un sistema di recupero dell’energia, anche grazie a pannelli solari flessibili ad alta efficienza posti sul tetto e sul cofano.

Ponics - Caserta

Ponics è una società di biotecnologie che progetta e costruisce sistemi di acquaponica che combinano la piscicoltura con la produzione di ortaggi, senza suolo, senza pesticidi e fertilizzanti chimici, senza sprecare acqua. Ponics si propone di diffondere una nuova cultura alimentare, utilizzando metodi innovativi che salvaguardano l'ambiente e garantiscono cibo sano per le generazioni future. Il mercato di riferimento di Ponics è costituito da ristoranti, alberghi, fruttivendoli, supermercati, fattorie verticali, agricoltori professionisti e piccoli agricoltori che vogliono produrre piante aromatiche, verdure e germogli. Quindi, cibo sano, anche in un piccolo spazio, all'aperto o al chiuso.

RisLab - Napoli

RisLab è una startup che lavora su sistemi di monitoraggio e controllo, analisi di dati e video, sicurezza e affidabilità. RisLab svolge attività di ricerca scientifica per supportare lo sviluppo e la commercializzazione di prodotti digitali innovativi per la protezione di infrastrutture, beni e persone, sia aziendali che di sicurezza, in senso lato. Le attività di RisLab sono sviluppate da uno staff altamente qualificato, che unisce persone con una lunga esperienza nel campo del monitoraggio delle infrastrutture critiche, ingegneri, dottorandi e professori universitari. RisLab ha accordi di partnership (non vincolanti) con l'Università di Napoli Federico II, IBM e con il Consorzio Nazionale Sicurezza, leader italiano nel campo della sicurezza fisica.

Ecco la foto di gruppo delle startup presenti a Londra!

 DM 6088