• Home
  • News
  • Notizie
  • Interventi a sostegno della stampa quotidiana e periodica nonché delle emittenti radiotelevisive e testate on line locali, dell’editoria, delle emittenti televisive e radiofoniche locali, della distribuzione locale

Interventi a sostegno della stampa quotidiana e periodica nonché delle emittenti radiotelevisive e testate on line locali, dell’editoria, delle emittenti televisive e radiofoniche locali, della distribuzione locale

Con decreto dirigenziale n. 87 del 13/12/2019 la Regione Campania intende promuovere e sostenere il pluralismo, la libertà, l’indipendenza e la completezza di informazione in tutto il territorio regionale, quale presupposto della partecipazione democratica dei cittadini, mediante iniziative di qualificazione e valorizzazione delle attività di informazione e di comunicazione regionali. A tali fini, prevede interventi a sostegno delle emittenti televisive e radiofoniche, anche on line, della stampa quotidiana e periodica locale e delle agenzie di stampa, in particolar modo nei casi di crisi occupazionale.

Le richieste di finanziamento devono riguardare una delle seguenti «Linee di Intervento»:

A. Innovazione Tecnologica e Valorizzazione dell’Attività Informativa che sostiene investimenti finalizzati anche a produrre effetti positivi sull’occupazione, con particolare attenzione a quelle imprese in multimediale, ovvero che svolgono la loro attività utilizzando mezzi di comunicazione differenziati, in modo da offrire agli utenti la possibilità di fruirne i contenuti in modi e tempi diversi grazie all’interconnessione dei mezzi di comunicazione;

B. Occupazione e Formazione, che sostiene l’assunzione con contratti di lavoro a tempo indeterminato e la formazione del personale direttivo e giornalistico stabilmente impiegato;

C. Comunità locali, che sostiene Progetti di informazione e comunicazione aventi particolare rilievo per determinate comunità locali.

I beneficiari delle Linee di Intervento A, B e C è che devono, nel caso delle Imprese, essere regolarmente censite al Registro delle Imprese e devono svolgere, in conformità alle norme vigenti, le seguenti attività di informazione e comunicazione:

a) stampa quotidiana e periodica, testate giornalistiche digitali, agenzie di stampa locali e service giornalistici;

b) emittenze televisive che operano in Campania e che producono e diffondono informazione e format giornalistici in ambito locale e con frequenza quotidiana con tecnologia digitale terrestre (DTT) o a diffusione tramite rete internet o con trasmissione di segnale con tecnologia satellitare;

c) emittenze radiofoniche che operano in Campania e che producono e diffondono informazione e format giornalistici in ambito locale e con frequenza quotidiana con trasmissione di segnale con tecnologia analogica e digitale ovvero con tecnologie DAB/DAB+ o DRM/DRM+;

d) Agenzie di servizi televisivi che operano in Campania e che producono e diffondono informazione e format giornalistici in ambito locale e con frequenza quotidiana.

Spese ammissibili

1. In relazione alla Linea di Intervento A sono ammissibili le seguenti spese:

  • investimenti materiali: macchinari, impianti, hardware e attrezzature varie, nuovi di fabbrica, ivi compresi quelli necessari all’attività gestionale dell’Operatore Economico strettamente necessari al ciclo di produzione/erogazione dei servizi informativi ed esclusi quelli relativi all'attività di rappresentanza;
  • investimenti immateriali: brevetti, licenze, know-how e conoscenze tecniche non brevettate concernenti nuove tecnologie di prodotti e processi produttivi;
  • investimenti Materiali o Immateriali riguardanti software e applicativi digitali non destinati alla rivendita, commisurati alle esigenze produttive dell’Operatore Economico;
  • servizi di consulenza specialistica finalizzati allo sviluppo ed all’adozione di tecnologie ICT;
  • acquisto di servizi erogati in modalità cloud computing e Software as Service (SAS), nonché di System Integration applicativa e relativa connettività dedicata.

2. In relazione alla Linea di Intervento B sono ammissibili le seguenti spese:

  • spese per la docenza relative ai formatori per le ore di erogazione della formazione;
  • costi di esercizio relativi a formatori e partecipanti alla formazione direttamente connessi al progetto di formazione, quali le spese di viaggio, le spese di alloggio, i materiali e le forniture con attinenza diretta al progetto, l’ammortamento degli strumenti e delle attrezzature nella misura in cui sono utilizzati esclusivamente per il progetto di formazione;
  • costi dei servizi di consulenza connessi al progetto di formazione;
  • spese di personale relative ai partecipanti alla formazione e le spese generali indirette (spese amministrative, locazione, spese generali) per le ore durante le quali i partecipanti hanno seguito la formazione;

3. In relazione alla Linea di Intervento C sono ammissibili le seguenti spese:

  • servizi, consulenze e materiale di consumo direttamente imputabili e strettamente necessari alla realizzazione del Progetto;
  • spese per ammortamenti, canoni leasing o di noleggio della strumentazione e delle attrezzature;
  • spese per il personale dipendente per il periodo in cui sono impiegati nel Progetto e calcolati secondo i principi della buona prassi contabile, nella misura massima del 35 per cento delle Spese Ammissibili del Progetto.

Entità e forma dell'agevolazione

In relazione alle Linee di Intervento A e C il contributo è pari al 90 per cento delle Spese Ammissibili

In relazione alla sola Linea di Intervento B - Occupazione e Formazione, il contributo è:

a. un bonus per il nuovo assunto rispetto agli addetti dell’anno 2018, pari a 8.000,00 euro per ciascun nuovo assunto con contratto a tempo indeterminato full time, e pari all’importo proporzionalmente quantificato sulla base delle ore effettivamente contrattualizzate in caso di contratti part time.

b. un contributo pari al 100 per cento delle spese ammissibili per attività di Formazione del personale direttivo e giornalistico stabilmente impiegato presso le sedi operative nella regione Campania fino a euro 2.000,00 per ciascun dipendente per un contributo massimo complessivo pari a euro 8.000,00.

Le richieste di contributo devono essere presentate alla Regione Campania esclusivamente a mezzo PEC all’indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. a partire dalle ore 12:00 del giorno martedì 7 gennaio 2020 (data e ora di apertura) fino alle ore 12:00 del giorno martedì 21 gennaio 2020 (data e ora di chiusura).

Fonti Informative

http://regione.campania.it/

Questo sito Web utilizza cookie e servizi di terze parti.